Volto Santo di Manoppello

Volto Santo di Manoppello

Il santuario del Volto Santo di Manoppello, dopo quasi cinque secoli è ancora luogo di culto per centinaia di migliaia di fedeli. La leggenda racconta che un Angelo in veste di pellegrino, consegnò neI 1506, un piccolo involto al dottor Giacomo Antonio Leonello con la viva raccomandazione di tenere cara quella devozione che a tutti avrebbe portato pace e benessere spirituale e materiale. 

Nell’aprire l’involto l’uomo si trovò di fronte all’immagine dolorante di Gesù impresso su un velo quasi inconsistente. Il Velo è oggi collocato tra due vetri, l’immagine è perfettamente visibile nel retro e nel verso con colori che si possono individuare solo da una certa angolatura e l’espressione della figura in esso rappresentata non è riproducibile da mano dell’uomo, quasi si trattasse di una vera e propria apparizione. Infatti l’espressione del volto rivela un’intensità profondamente umana e misteriosamente divina. NeI 1718 Papa Clemente XI concesse l’indulgenza plenaria a tutti i pellegrini che si recavano a visitare il Santuario. Il Santuario è attualmente gestito dai Frati Minori Cappuccini con l’annessa casa del Pellegrino. 

I festeggiamenti al Volto Santo si celebrano la seconda domenica di maggio.

Come raggiungere il Santuario: A25 uscita Alanno-Scafa, seguire indicazioni per Manoppello e di qui la segnaletica che porta al Santuario.

 

No Comments

Post A Comment