La Sorgente Prodigiosa: Pescosansonesco

La Sorgente Prodigiosa: Pescosansonesco

Sotto una roccia, con una fonte miracolosa, sorge il Santuario del Beato Nunzio Sulprizio. Egli nacque a Pescosansonesco ai primi dell’800 da una modesta famiglia. 

Rimasto orfano visse la sua infanzia presso la nonna materna che, benché analfabeta, Io educò alla preghiera e alle buone azioni. Alla morte di quest’ultima fu costretto ad andare a vivere da uno zio fabbro violento e alcolizzato che Io maltrattava. 

Abbandonato completamente a se stesso, il ragazzo si ritirò poco fuori dall’abitato del paese presso una grande rupe di colore rossastro dalla quale sorgeva acqua limpida e fresca. Qui Nunzio lavava una brutta ferita alla caviglia che era diventata una piaga. Dopo un ricovero all’ospedale dell’Aquila, uno zio soldato Io portò con sé a Napoli dove un altro ufficiale Io prese a cuore e lo accolse in casa sua.

Il giovane morì di carie ossea all’età di diciannove anni circondato dall’amore di tanti fedeli napoletani che lo chiamavano “lu santiarello nuostro”. Fu allestita per lui una camera ardente nel Maschio Angioino. 

Si racconta che dopo la sua morte ci furono delle apparizioni durante le quali il Venerabile parlò e diffuse un prodigioso profumo proveniente dalla sua piaga. Giovanni XXIII emanò un decreto che lo designava il futuro protettore degli operai e nel 1963, Papa Paolo VI lo beatificò. Negli ultimi anni il Santuario è stato ampliato per contenere la moltitudine di pellegrini che va a rendere omaggio alle sacre spoglie del Beato. 

I festeggiamenti in onore del Beato Nunzio si celebrano il 5 maggio. Come raggiungere il Santuario: A25 uscita Casauria-Torre de Passeri. Seguire le indicazioni Pescosansonesco e di qui la segnaletica che indica l’ubicazione del Santuario.

 

No Comments

Post A Comment