I Tessuti

I Tessuti

Merletti e ricami, arazzi e tappeti. L’arte del tessuto in Abruzzo passa anticamente per le mani operose ed abili delle donne. 

Da Scanno a Pescocostanzo, per passare a Taranta PelignaCastel di SangroFara San MartinoLancianoBucchianicoSulmonaCastel del MontePietracamelaNeretoPenne, e farsi apprezzare anche fuori dei confini regionali. 

E’ il caso delle famose “tarante”, le pesanti e colorate coperte di lana senza “dritto” nè “rovescio”, tessute a mano dagli artigiani di Taranta Peligna, paese montano situato a pochi chilometri dalla Grotta del Cavallone nel Parco Nazionale della Majella. Tradizione vuole che l’affermarsi dell’arte della lana nell’epoca medioevale, abbia determinato Io sviluppo di Taranta Peligna, centro situato nei pressi del tratturo Magno, non molto distante dalla Via della Lana che univa, attraverso l’Appennino centrale, le città di Firenze e Napoli. Sta di fatto che la locale produzione di tappeti e tovagliati dai tipici colori e disegni (in molti casi di ispirazione caucasica e medio-orientale) era fin d’allora annoverata tra le migliori su mercati europei. 

Proprio a Taranta Peligna, anticamente, grazie alla presenza della classe artigiana dei lanieri, scardatori e tessitori, ha origine il culto di S. Biagio, il protettore della gola e dei lanieri, poiché sarebbe stato martirizzato con l’attrezzo per “cardare” la lana. 

Un culto che ha radici secolari e tuttora vivo. Alle falde della Majella, ancora oggi i maestri artigiani della lavorazione della lana sono i principali promotori della festa folcloristica e religiosa in onore del Santo. 

Santo di area pastorale, S. Biagio sarebbe nato e vissuto in Armenia e non è un caso che anche i pani votivi del 3 febbraio (oltre i disegni e i simboli raffigurati sulle coperte e tovaglie di produzione locale) trovino ispirazione nell’antica civiltà orientale.

No Comments

Post A Comment